Una favola a Manhattan

Una favola a Manhattan
Il brutto anatroccolo di New York

 

Grande successo per il primo romanzo dello sceneggiatore e produttore televisivo americano Alberto Ferreras, che racconta come una ragazzotta insulsa e grassa diventa una donna dalle curve sensuali e sicura di sé.

Sembra una vita piatta e senza storia, quella che conduce Bella, una ragazza cubana cresciuta a New York. Invece il romanzo si apre e si sviluppa pian piano, con una scrittura sottolineata da una grande dovizia di particolari e così coinvolgente che alla fine si legge tutto d’un fiato, senza riuscire a staccarsene. La protagonista lavora come una matta in un’agenzia pubblicitaria, senza che mai le venga riconosciuto alcun merito. Anche gli uomini non la prendono assolutamente in considerazione: è grassa e si veste in modo classico, passando completamente inosservata, mentre la sua amica magra cucca alla grande. Ma un giorno succede qualcosa che le cambia completamente la vita: incontra Madame, una misteriosa signora russa, che la trasforma in una confortatrice notturna di uomini soli: niente sesso ma solo rapporti umani, incontri casuali che alzano la sua autostima e da brutto anatroccolo Bella si trasforma in cigno. Guadagna molti soldi, cambia look, si sente sicura e diventa più forte. Si accetta in modo positivo e apprezza le sue rotondità, si fa valere in campo lavorativo e alla fine trova anche l’amore. Una lettura deliziosa e rasserenante, che consiglio a tutte le donne che hanno voglia di leggere un libro scritto in modo intelligente e simpatico, una storia positiva e intrigante.

Alberto Ferreras, Una favola a Manhattan, Dalai Editore, 9,90 euro

 

 

 

     

Articoli simili

Lascia un tuo commento