Reportage del primo Plus Size Fashion Weekend a Londra

A metà febbraio si è svolto il primo weekend dedicato alla moda curvy organizzato dalla rivista Evolve Magazine insieme con TIASW per incoraggiare e aiutare l’industria inglese delle taglie morbide a dare una svolta a questo settore in crescita. Il primo giorno era dedicato alla stampa, ai compratori e alle blogger. Ecco l’elenco delle aziende espositrici: Simply Be, Syreeta Badu, Live Unlimited, Carolyn de la Drapiere, Curvissa; Pauline at Julie, Swimsuits for all, one one three, Lucabella, Cult of California, Scarlett and Jo, Anna Scholz e Sheego. Jessica Kane, redattrice e blogger di Skorchmagazine, ha condotto la prima giornata piena di incontri con esperti che hanno offerto informazioni e suggerimenti per avere un immagine più raffinata e vestirsi in accordo con la propria fisicità, per trovare una maggiore sicurezza di sé anche grazie a consigli su trucco, parrucco e colori. Poi la parola è passata ad Anna Shilinglaw, ex modella curvy che oggi è direttrice di Milk Management, una delle più note agenzie di modelle plussize che ha spiegato quali sono le qualità indispensabili per diventare una modella: l’altezza, un corpo armonioso, una bella pelle, tanto entusiasmo e una grande passione per la moda. Dopo la pausa pranzo è iniziato uno swap party: tutte le partecipanti che avevano portato dei capi usati potevano scambiarli in questa occasione con l’aiuto di styling della blogger francese Gaelle-Vanessa Prudencio. La giornata è continuata con un dibattito sui canoni di bellezza imposti dal fashion system che con fatica accettano taglie differenziate. Fortunatamente in Inghilterra sta cambiando qualcosa, guardando per esempio la campagna pubblicitaria di Marks&Spencer – una delle più note catene di grandi magazzini britanniche – che mostra donne con taglie diverse seminude. Alcuni stilisti inglesi usano indossatrici curvy per dare attraverso i loro corpi femminili normali e sani un messaggio positivo. La giornata si è conclusa con una sfilata colorata, allegra e gioiosa, che ha riscontrato grande successo tra i partecipanti. Le modelle che hanno sfilato mostravano taglie plus e sono state accolte dal pubblico con un caloroso applauso. Auguriamoci che il mercato europeo possa seguire quello americano e la “curvy revolution” con icone come Tara Lynn, Adele o Christina Hendricks continui ad evolversi per imporsi definitivamente. Nel frattempo… stay tuned!  (Sonja Zglobicka) 


                                          

Articoli simili

Lascia un tuo commento